Lucrezio sulla storia dell’uomo

”Lucretius”

Busto ottocentesco di Lucrezio al colle Pincio, Roma [Photo: StefanoRR; commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33021717]



Titus Lucretius Carus (94-55/50 a.C.)

De rerum natura V, 1105-1135



[1105] Inque dies magis hi victum vitamque priorem
commutare novis monstrabant rebus et igni,
ingenio qui praestabant et corde vigebant.
condere coeperunt urbis arcemque locare
praesidium reges ipsi sibi perfugiumque,
[1110] et pecudes et agros divisere atque dedere
pro facie cuiusque et viribus ingenioque;
nam facies multum valuit viresque vigebant.
posterius res inventast aurumque repertum,
quod facile et validis et pulchris dempsit honorem;
[1115] divitioris enim sectam plerumque secuntur
quam lubet et fortes et pulchro corpore creti.
quod siquis vera vitam ratione gubernet,
divitiae grandes homini sunt vivere parce
aequo animo; neque enim est umquam penuria parvi.
[1120] at claros homines voluerunt se atque potentes,
ut fundamento stabili fortuna maneret
et placidam possent opulenti degere vitam,
ne quiquam, quoniam ad summum succedere honorem
certantes iter infestum fecere viai,
[1125] et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra;
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque;
ut satius multo iam sit parere quietum
[1130] quam regere imperio res velle et regna tenere.
proinde sine in cassum defessi sanguine sudent,
angustum per iter luctantes ambitionis;
quandoquidem sapiunt alieno ex ore petuntque
res ex auditis potius quam sensibus ipsis,
[1135] nec magis id nunc est neque erit mox quam fuit ante.

Traduzione: “[1105] Ogni giorno di più chi aveva più ingegno e forza d’animo, mostrava come cambiare il tenore di vita grazie al fuoco e alle nuove scoperte. I re cominciarono a fondare città e a stabilire fortezze per loro difesa e loro rifugio, [1110] e divisero campi e bestiame, assegnandoli a seconda della bellezza, della forza e dell’ingegno di ciascuno: molto infatti valevano la bellezza e la forza. Più tardi si scoprì la ricchezza e l’oro che tolse facilmente l’onore a forza e bellezza, [1115] giacché quelli che sono pur nati forti e di bell’aspetto seguono comunque la fazione di chi è più ricco. Se invece si considerasse la vita secondo la vera ragione, la vera ricchezza per l’uomo è vivere sobriamente e serenamente: del poco non c’è mai penuria. [1120] Ma gli uomini si vollero famosi e potenti, perché la loro fortuna durasse su fondamenti stabili, e loro potessero trascorrere una vita tranquilla da ricchi; invano perché, lottando per giungere ai sommi onori, si resero ostile il cammino dell’esistenza [1125] e l’invidia come un fulmine li colpì e li scagliò talvolta dalla cima con disonore fino al cupo Tartaro, perché con l’invidia, come con il fulmine, bruciano le cime e tutte le cose che sovrastano le altre, al punto che è molto meglio una tranquilla obbedienza [1130] che voler dominare e tenere il potere. Lascia dunque che si sfiniscano inutilmente e sudino sangue a lottare sullo stretto sentiero dell’ambizione; costoro sanno per bocca d’altri e desiderano le cose più per fama che per i loro sensi, [1135] e questo accade e accadrà come fu nel passato.”

Bia e Cratos – Forza e potere



⁎La categoria “Post in fieri” include post incompleti. Anche in questo caso, non tutte le informazioni disponibili sono state riportate ma solo quelle che ho trovato fino a ora



LA GENEALOGIA



Figli di Stige e Pallante, fratelli di Zelos e Nike.

Cratos è personificazione della forza e del potere, Bia del vigore, dell’energia e della potenza, Zelos della rivalità e Nike, la più conosciuta, della vittoria.

Al tempo della guerra contro i Titani, Stige mise i quattro figli al servizio di Zeus e da quel momento vigilano sul trono dell’Olimpio folgoratore.


Alcune fonti
  • Cratos e Bia: Esiodo, Teogonia, 383-403
  • Cratos e Bia: Eschilo, Prometeo Incatenato, 1-87
  • Cratos e Bia: Eschilo, Coefore, 244ss. [da aggiungere]
  • Cratos e Bia: Platone, Protagoras 321d. [da aggiungere]
  • Cratos e Bia: Pseudo-Apollodoro, Bibliotheca 1.9. [da aggiungere]
  • Cratos e Bia: Pseudo-Hyginus, Prefazione. [da aggiungere]
  • Bia: Pausania, Descrizione della Grecia.[da aggiungere]
  • Bia: Plutarco, Vite Parallele.[da aggiungere]

Alcune fonti

Ἡσίοδος, Θεογονία, 383-403 Esiodo,Teogonia, 383-403

Στὺξ δ’ ἔτεκ’ Ὠκεανοῦ θυγάτηρ Πάλλαντι μιγεῖσα
Ζῆλον καὶ Νίκην καλλίσφυρον ἐν μεγάροισι
καὶ Κράτος ἠδὲ Βίην ἀριδείκετα γείνατο τέκνα.
τῶν οὐκ ἔστ’ ἀπάνευθε Διὸς δόμος, οὐδέ τις ἕδρη,
οὐδ’ ὁδός, ὅππῃ μὴ κείνοις θεὸς ἡγεμονεύει,
ἀλλ’ αἰεὶ πὰρ Ζηνὶ βαρυκτύπῳ ἑδριόωνται.
ὣς γὰρ ἐβούλευσε Στὺξ ἄφθιτος Ὠκεανίνη
ἤματι τῷ, ὅτε πάντας Ὀλύμπιος ἀστεροπητὴς
ἀθανάτους ἐκάλεσσε θεοὺς ἐς μακρὸν Ὄλυμπον,
εἶπε δ’, ὃς ἂν μετὰ εἷο θεῶν Τιτῆσι μάχοιτο,
μή τιν’ ἀπορραίσειν γεράων, τιμὴν δὲ ἕκαστον
ἑξέμεν ἣν τὸ πάρος γε μετ’ ἀθανάτοισι θεοῖσι.
τὸν δ’ ἔφαθ’, ὅστις ἄτιμος ὑπὸ Κρόνου ἠδ’ ἀγέραστος,
τιμῆς καὶ γεράων ἐπιβησέμεν, ἣ θέμις ἐστίν.
ἦλθε δ’ ἄρα πρώτη Στὺξ ἄφθιτος Οὔλυμπόνδε
σὺν σφοῖσιν παίδεσσι φίλου διὰ μήδεα πατρός·
τὴν δὲ Ζεὺς τίμησε, περισσὰ δὲ δῶρα ἔδωκεν.
αὐτὴν μὲν γὰρ ἔθηκε θεῶν μέγαν ἔμμεναι ὅρκον,
παῖδας δ’ ἤματα πάντα ἑοῦ μεταναιέτας εἶναι.
ὣς δ’ αὔτως πάντεσσι διαμπερές, ὥς περ ὑπέστη,
ἐξετέλεσσ’· αὐτὸς δὲ μέγα κρατεῖ ἠδὲ ἀνάσσει.
Testo da Perseus Digital Library

Stige, figlia di Oceano, generò, unita a Pallante,
Rivalità e Vittoria dalle belle caviglie, dentro il palazzo di lui
e Potere e Forza generò, illustri suoi figli,
lontano dai quali di Zeus non c’è né casa né sede,
né c’è via per cui ad essi il dio non comandi,
ma sempre presso Zeus che tuona profondo hanno la loro dimora.
Così infatti Stige decise, immortale Oceanina,
quel giorno in cui l’Olimpio folgoratore tutti
gli dei immortali chiamò al grande Olimpo
e disse che «colui che con me agli dei Titani abbia fatto la guerra
di nessun suo onore sarà privato e ciascuno l’appannaggio
conserverà che prima aveva fra gli dei immortali»;
e disse che «chi fu privato d’onori o di premio da Crono
d’onore e di premio sarà compartecipe; così vuole giustizia».
Così giunse per prima Stige immortale all’Olimpo
con i due figli, seguendo il volere del padre suo;
e lei Zeus onorò e le diede doni abbondanti;
volle infatti che lei fosse degli dei il gran giuramento
e i suoi figli per sempre con sé li pose ad abitare.
E così per tutti interamente quant’era promesso
compì; e lui ha grande potere e comando.”
Traduzione da Arrighetti (2018)


Αἰσχύλος, Προμηθεύς δεσμώτης, 1-87 Eschilo, Prometeo incatenato, 1-87

Κράτος
Χθονὸς μὲν ἐς τηλουρὸν ἥκομεν πέδον,
Σκύθην ἐς οἷμον, ἄβατον εἰς ἐρημίαν.
Ἥφαιστε, σοὶ δὲ χρὴ μέλειν ἐπιστολὰς
ἅς σοι πατὴρ ἐφεῖτο, τόνδε πρὸς πέτραις
ὑψηλοκρήμνοις τὸν λεωργὸν ὀχμάσαι
ἀδαμαντίνων δεσμῶν ἐν ἀρρήκτοις πέδαις.
τὸ σὸν γὰρ ἄνθος, παντέχνου πυρὸς σέλας,
θνητοῖσι κλέψας ὤπασεν. τοιᾶσδέ τοι
ἁμαρτίας σφε δεῖ θεοῖς δοῦναι δίκην,
ὡς ἂν διδαχθῇ τὴν Διὸς τυραννίδα
στέργειν, φιλανθρώπου δὲ παύεσθαι τρόπου.
Ἥφαιστος
Κράτος Βία τε, σφῷν μὲν ἐντολὴ Διὸς
ἔχει τέλος δὴ κοὐδὲν ἐμποδὼν ἔτι:
ἐγὼ δ᾽ ἄτολμός εἰμι συγγενῆ θεὸν
δῆσαι βίᾳ φάραγγι πρὸς δυσχειμέρῳ.
πάντως δ᾽ ἀνάγκη τῶνδέ μοι τόλμαν σχεθεῖν:
ἐξωριάζειν γὰρ πατρὸς λόγους βαρύ.
τῆς ὀρθοβούλου Θέμιδος αἰπυμῆτα παῖ,
ἄκοντά σ᾽ ἄκων δυσλύτοις χαλκεύμασι
προσπασσαλεύσω τῷδ᾽ ἀπανθρώπῳ πάγῳ
ἵν᾽ οὔτε φωνὴν οὔτε του μορφὴν βροτῶν
ὄψει, σταθευτὸς δ᾽ ἡλίου φοίβῃ φλογὶ
χροιᾶς ἀμείψεις ἄνθος. ἀσμένῳ δέ σοι
ἡ ποικιλείμων νὺξ ἀποκρύψει φάος,
πάχνην θ᾽ ἑῴαν ἥλιος σκεδᾷ πάλιν:
ἀεὶ δὲ τοῦ παρόντος ἀχθηδὼν κακοῦ
τρύσει σ᾽: ὁ λωφήσων γὰρ οὐ πέφυκέ πω.
τοιαῦτ᾽ ἐπηύρω τοῦ φιλανθρώπου τρόπου.
θεὸς θεῶν γὰρ οὐχ ὑποπτήσσων χόλον
βροτοῖσι τιμὰς ὤπασας πέρα δίκης.
ἀνθ᾽ ὧν ἀτερπῆ τήνδε φρουρήσεις πέτραν
ὀρθοστάδην, ἄυπνος, οὐ κάμπτων γόνυ:
πολλοὺς δ᾽ ὀδυρμοὺς καὶ γόους ἀνωφελεῖς
φθέγξῃ: Διὸς γὰρ δυσπαραίτητοι φρένες.
ἅπας δὲ τραχὺς ὅστις ἂν νέον κρατῇ.
Κράτος
εἶεν, τί μέλλεις καὶ κατοικτίζῃ μάτην;
τί τὸν θεοῖς ἔχθιστον οὐ στυγεῖς θεόν,
ὅστις τὸ σὸν θνητοῖσι προὔδωκεν γέρας;
Ἥφαιστος
τὸ συγγενές τοι δεινὸν ἥ θ᾽ ὁμιλία.
Κράτος
σύμφημ᾽: ἀνηκουστεῖν δὲ τῶν πατρὸς λόγων
οἷόν τε πῶς; οὐ τοῦτο δειμαίνεις πλέον;
Ἥφαιστος
αἰεί γε δὴ νηλὴς σὺ καὶ θράσους πλέως.
Κράτος
ἄκος γὰρ οὐδὲν τόνδε θρηνεῖσθαι. σὺ δὲ
τὰ μηδὲν ὠφελοῦντα μὴ πόνει μάτην.
Ἥφαιστος
ὦ πολλὰ μισηθεῖσα χειρωναξία.
Κράτος
τί νιν στυγεῖς; πόνων γὰρ ὡς ἁπλῷ λόγῳ
τῶν νῦν παρόντων οὐδὲν αἰτία τέχνη.
Ἥφαιστος
ἔμπας τις αὐτὴν ἄλλος ὤφελεν λαχεῖν.
Κράτος
ἅπαντ᾽ ἐπαχθῆ πλὴν θεοῖσι κοιρανεῖν:
ἐλεύθερος γὰρ οὔτις ἐστὶ πλὴν Διός.
Ἥφαιστος
ἔγνωκα τοῖσδε κοὐδὲν ἀντειπεῖν ἔχω.
Κράτος
οὔκουν ἐπείξῃ τῷδε δεσμὰ περιβαλεῖν,
ὡς μή σ᾽ ἐλινύοντα προσδερχθῇ πατήρ;
Ἥφαιστος
καὶ δὴ πρόχειρα ψάλια δέρκεσθαι πάρα.
Κράτος
βαλών νιν ἀμφὶ χερσὶν ἐγκρατεῖ σθένει
ῥαιστῆρι θεῖνε, πασσάλευε πρὸς πέτραις.
Ἥφαιστος
περαίνεται δὴ κοὐ ματᾷ τοὔργον τόδε.
Κράτος
ἄρασσε μᾶλλον, σφίγγε, μηδαμῇ χάλα.
δεινὸς γὰρ εὑρεῖν κἀξ ἀμηχάνων πόρον.
Ἥφαιστος
ἄραρεν ἥδε γ᾽ ὠλένη δυσεκλύτως.
Κράτος
καὶ τήνδε νῦν πόρπασον ἀσφαλῶς, ἵνα
μάθῃ σοφιστὴς ὢν Διὸς νωθέστερος.
Ἥφαιστος
πλὴν τοῦδ᾽ ἂν οὐδεὶς ἐνδίκως μέμψαιτό μοι.
Κράτος
ἀδαμαντίνου νῦν σφηνὸς αὐθάδη γνάθον
στέρνων διαμπὰξ πασσάλευ᾽ ἐρρωμένως.
Ἥφαιστος
αἰαῖ, Προμηθεῦ, σῶν ὑπερστένω πόνων.
Κράτος
σὺ δ᾽ αὖ κατοκνεῖς τῶν Διός τ᾽ ἐχθρῶν ὕπερ
στένεις; ὅπως μὴ σαυτὸν οἰκτιεῖς ποτε.
Ἥφαιστος
ὁρᾷς θέαμα δυσθέατον ὄμμασιν.
Κράτος
ὁρῶ κυροῦντα τόνδε τῶν ἐπαξίων.
ἀλλ᾽ ἀμφὶ πλευραῖς μασχαλιστῆρας βάλε.
Ἥφαιστος
δρᾶν ταῦτ᾽ ἀνάγκη, μηδὲν ἐγκέλευ᾽ ἄγαν.
Κράτος
ἦ μὴν κελεύσω κἀπιθωύξω γε πρός.
χώρει κάτω, σκέλη δὲ κίρκωσον βίᾳ.
Ἥφαιστος
καὶ δὴ πέπρακται τοὔργον οὐ μακρῷ πόνῳ.
Κράτος
ἐρρωμένως νῦν θεῖνε διατόρους πέδας:
ὡς οὑπιτιμητής γε τῶν ἔργων βαρύς.
Ἥφαιστος
ὅμοια μορφῇ γλῶσσά σου γηρύεται.
Κράτος
σὺ μαλθακίζου, τὴν δ᾽ ἐμὴν αὐθαδίαν
ὀργῆς τε τραχύτητα μὴ ‘πίπλησσέ μοι.
Ἥφαιστος
στείχωμεν, ὡς κώλοισιν ἀμφίβληστρ᾽ ἔχει.
Κράτος
ἐνταῦθα νῦν ὕβριζε καὶ θεῶν γέρα
συλῶν ἐφημέροισι προστίθει. τί σοι
οἷοί τε θνητοὶ τῶνδ᾽ ἀπαντλῆσαι πόνων;
ψευδωνύμως σε δαίμονες Προμηθέα
καλοῦσιν: αὐτὸν γάρ σε δεῖ προμηθέως,
ὅτῳ τρόπῳ τῆσδ᾽ ἐκκυλισθήσῃ τέχνης.
Testo da Perseus Digital Library

Cratos
Agli estremi confini eccoci giunti già della terra,
in un deserto impervio tramite de la Scizia.
Ed ora, Efèsto, compier tu devi gli ordini che il padre
a te commise: a queste rupi eccelse entro catene adamantine
stringere quest’empio, in ceppi che non mai si frangano:
ch’esso il tuo fiore, il folgorio del fuoco
padre d’ogni arte, t’involò, lo diede
ai mortali. Ai Celesti ora la pena
paghi di questa frodolenza, e apprenda
a rispettar la signoria di Giove,
a desister dal troppo amor degli uomini.
Efèsto
Bia, Cratos, gli ordini di Giove già compiuti per voi furono;
e nulla piú vi trattiene. Ma legare su questo abisso procelloso
un Nume ch’è del mio sangue, non mi regge il cuore.
E forza è pure che mi regga. Gli ordini
trasandare del padre, è dura prova.
Oh di Tèmide giusta audace figlio,malgrado tuo, malgrado mio,
con bronzei ceppi, che niuno a scioglier valga, a queste
cime deserte io ti configgerò,dove né voce udrai,
né forma d’uomo vedrai: del sole arso a la fiamma rutila,
tramuterai de la tua cute il fiore:
a tuo sollievo asconderà la notte
con lo stellato suo manto la luce,
ed ecco il sole dissipa di nuovo la mattutina brina.
E col suo peso il mal presente ognor ti crucierà:
ché non ancor chi ti soccorra è nato.
Dell’amor pei mortali è questo il frutto.
Poiché senza temer l’ira dei Numi,Nume tu stesso,
indebiti favori agli umani largisti. Ora, in compenso,
vegliar dovrai questa dogliosa rupe,
senza mai sonno, in pie’, senza mai flettere
le tue ginocchia, e cento ululi e gemiti
invano leverai: ché il cuor di Giove
nessuna prece lo commuove; ed aspro
è ciascun che di fresco ebbe il potere.
Cratos
Ehi, nel compianto indugi? È vano! Il Nume
infestissimo ai Numi non aborri
che il privilegio tuo concesse agli uomini?
Efèsto
Parentela, amicizia, han gran potere!
Cratos
Certo. Ma trasgredir del padre gli ordini
si può? Non hai maggior tema di questo?
Efèsto
Spietato sempre e tracotante sei!
Cratos
Che medela è il compianto? Or vana pena
non ti dare per ciò che nulla giova!
Efèsto
Oh magisterio mio troppo odïoso!
Cratos
Tu l’odi? E perché mai?… Di queste pene
in verità, nessuna colpa ha l’arte.
Efèsto
Pur, quest’arte l’avesse altri in retaggio!
Cratos
Gravoso è tutto, tranne aver dei Superi
l’impero; e niuno, tranne Giove, è libero.
Efèsto
Ne ho qui le prove. E nulla ho da ribattere.
Cratos
Spàcciati, dunque, avvolgilo di ceppi,
ché nell’indugio non ti scorga il padre.
Efèsto
Scorger gli anelli puoi nelle mie mani.
Cratos
Con vigore con forza ai polsi strettolo,
picchia il martello, ed alla rupe inchiodalo.
Efèsto
Compiuta è l’opra, e non caduta in fallo.
Cratos
Batti di piú, non allentare, stringi:
anche d’impervie strade il passo ei trova.
Efèsto
Questo braccio è saldato, e niun lo scioglie.
Cratos
Saldo configgi l’altro, ora: ed apprenda
quanto egli a Giove di scaltrezza cede.
Efèsto
Niuno, tranne costui, potria riprendermi.
Cratos
Da parte a parte, in sen, di ferreo cuneo
la fiera punta forte ora conficcagli.
Efèsto
Ahimè! Dei mali tuoi gemo, Promèteo!
Cratos
Indugi ancora? Sui nemici piangi
di Giove? Oh!, che su te non debba piangere!
Efèsto
Guarda, orrendo a mirare uno spettacolo!
Cratos
Veggo costui patir ciò ch’egli merita.
Gittagli intorno ai fianchi ora i legami.
Efèsto
Lo debbo far. Ma tu non dar troppi ordini!
Cratos
Ordinerò, t’incalzerò per giunta:
scendi giú, forte ora le gambe accerchiagli.
Efèsto
Fatto è ancor questo. E fu travaglio breve.
Cratos
Dei ceppi i chiodi saldo ora ribatti:
severo è quegli che la pena infligge.
Efèsto
Simile al viso tuo suona la voce.
Cratos
Sii pur tenero, tu. Ma la protervia,
l’ira, l’asprezza mia, non rampognarmi.
Efèsto
Andiam: ché tutto di catene è cinto.
Cratos(Rivolto a Prometeo)
Superbisci ora qui. Trafuga ai Numi
i loro doni, ed offrili agli efimeri.
Allevïare in che ti posson gli uomini
or dalle pene? I Dèmoni, Promèteo
ti chiamarono a torto: hai bisogno
d’un preveggente a uscir da questo intrico.
Traduzione a cura di Ettore Romagnoli
Dato 3,1 Dato 3,2
Siti utili e utilizzati
Testo originale. Non copiare! Citare è facile. Grazie!
L’immagine è personale e, pertanto, soggetta a Copyright.

“ITALIA” – Le fonti



⁎La categoria “Post in fieri” include post incompleti. Anche in questo caso, non tutte le informazioni disponibili sono state riportate ma solo quelle che ho trovato fino a ora



  • Varro, De lingua Latina, Liber V

    Marco Terenzio Varrone (Rieti 116 a.C. – Roma, 27 a.C.), Sulla lingua latina (5.9.2)



    “Vitulus, quod Graece antiquitus ιταλóς”

    Traduzione: Vitulus (vitello) è detto così dal fatto che anticamente in greco si chiamava italós.



  • Varro, De Re Rustica, Liber II

    Marco Terenzio Varrone (Rieti 116 a.C. – Roma, 27 a.C.), Sull’agricoltura (2.5.3)



    “(…) nam bos in pecuaria maxima debet esse auctoritate, praesertim in Italia, quae a bubus nomen habere sit existimata. Graecia enim antiqua, ut scribit Timaeus, tauros vocabat ιταλóς (italós), a quorum moltitudine et pulchritudine et fetu vitulorum Italiam dixerunt. Alii scripserunt, quod ex Sicilia Hercules persecutus sit eo nobilem tau rum, qui diceretur Italus.”

    Traduzione (Pagani 1846): “(…) perché il bue, tra il bestiame, è quello che merita grande stima, particolarmente in Italia, la quale credesi che sia così chiamata dai buoi. Difatti, l’antica Grecia, come scrive Timeo, chiamava italós; i tori, i quali, perché erano molti e belli, e perché generavano dei vitelli in questo paese, perciò la chiamarono Italia. Altri scrissero che si stata così chiamata, perché Ercole dalla Sicilia sino in questo paese inseguì un famoso toro chiamato Italus.



  • Διονύσιος Ἀλεξάνδρου Ἁλικαρνασσεύς, Ῥωμαική ἀρχαιολογία, Liber I


    Dionigi di Alicarnasso (Alicarnasso, circa 60 – 7 a.C.), Antichità Romane, (1.12.3)



    Ἀντίοχος δὲ ὁ Συρακούσιος, συγγραφεὺς πάνυ ἀρχαῖος, ἐν Ἰταλίας οἰκισμῷ τοὺς παλαιοτάτους οἰκήτορας διεξιὼν, ὡς ἕκαστοί τι μέρος αὐτῆς κατεῖχον, Οἰνώτρους λέγει πρώτους τῶν μνημονευομένων ἐν αὐτῇ κατοικῆσαι, εἰπὼν ὧδε· «Ἀντίοχος Ξενοφάνεος τάδε συνέγραψε περὶ Ἰταλίης ἐκ τῶν ἀρχαίων λόγων τὰ πιστότατα καὶ σαφέστατα· τὴν γῆν ταύτην, ἥτις νῦν Ἰταλίη καλεῖται, τὸ παλαιὸν εἶχον Οἴνωτροι’. ἔπειτα διεξελθὼν ὃν τρόπον ἐπολιτεύοντο, καὶ ὡς βασιλεὺς ἐν αὐτοῖς Ἰταλὸς ἀνὰ χρόνον ἐγένετο, ἀφ’ οὗ μετωνομάσθησαν Ἰταλοί, τούτου δὲ τὴν ἀρχὴν Μόργης διεδέξατο, ἀφ’ οὗ Μόργητες ἐκλήθησαν, καὶ ὡς Σικελὸς ἐπιξενωθεὶς Μόργητι ἰδίαν πράττων ἀρχὴν διέστησε τὸ ἔθνος, ἐπιφέρει ταυτί· ‘οὕτω δὲ Σικελοὶ καὶ Μόργητες ἐγένοντο καὶ Ἰταλίητες ἐόντες Οἴνωτροι».

    Traduzione (la prima parte è da Mastrofini (1823) mentre la parte tra virgolette quella in cui Dionigi riprende il testo di Antioco – è in gran parte ripresa da Wikipedia): Antioco di Siracusa, scrittore antichissimo, elencando i primi abitanti dell’Italia (…), afferma che gli Enotri precedettero ogni altro di cui si abbia ricordo, dicendo: «Antioco il figlio di Xenofane compilò sull’Italia queste cose, le più credibili e più manifeste tra’ vecchi monumenti. La regione, che ora si chiama Italia, anticamente tennero gli Enotri; un certo tempo il loro re era Italo, e allora mutarono il loro nome in Itali; succedendo ad Italo Morgete, furono detti Morgeti; dopo venne un Siculo, che divise le genti, che furono quindi Morgeti e Siculi; e Itali furono quelli che erano Enotri.»



  • Gellius, Noctes Atticae, Liber XI


    Aulo Gellio (Roma, circa 125–180), Notti Attiche 11.1.1



    “Timaeus in historiis, quas oratione Graeca de rebus populi Romani composuit, et M. Varro in antiquitatibus rerum humanarum terram Italiam de Graeco vocabulo appellatam scripserunt, quoniam boves Graeca vetere lingua ιταλóι vocitati sint, quorum in Italia magna copia fuerit, bucetaque in ea terra gigni pascique solita sint complurima.”

    Traduzione (Concordia 2017, p. 101): Timeo nelle Storie che ha scritto in lingua greca sui fatti del popolo romano, e Marco Varrone nelle Antichità Umane, hanno scritto che l’Italia ha preso il nome da una parola greca, poiché nell’antica lingua greca i buoi sarebbero stati chiamati italói. In Italia ce n’erano in abbondanza, e la terra dava luogo a pascoli e questi erano utilizzati in gran numero.”



  • Micali 1832, pp. 54-56

    “Non sì tosto i Greci conobbero il nuovo paese, là dov’essi ponevano mare aperto, diedero a quello il nome d’Esperia già prima del tempo d’Ercole: cioè a dire di contrada occidentale o di termine estremo della cognita terra; nome che indi appropriarono essi stessi, per nuove scoperte di mondo, ad altre regioni similmente occidentali, come la Spagna e le isole Fortunate. Fuori di quest’unico nome di tal forma indistinto, e non determinato a paese, la penisola italica, meglio esplorata per frequentazione di navigatori, prese in bocca dei Greci antichi altrettante denominazioni locali, quante son quelle ch’eglino davano ai differenti popoli, che quivi per avanti sedevano in separati territori, I’uno dall’altro distinti. Tanto che in lor linguaggio Italia, Enotria, Iapigia, Ausonia, Tirrenia e Ombrica, per tacer d’altri luoghi, val quanto dire paese degli Itali, Enotri, lapigi, Ausoni, Tirreni e Umbri. Cosi la Ligjstica altrimenti Liguria, anzi che un paese interno, era pe’ Greci la sola riviera de’ Liguri, che presso Scilace ha suo principio al di là del Rodano, proseguendo insino alla Tirrenia. E senza maggior riguardo ai naturali confini ponevano gli Eneti o Veneti in sulla riva orientale dell’Adriatico che i Greci ampliavano fuor di misura, dando a questo golfo con ideal geografia una distesa oltremodo spaziosa e vasta. Gran tempo il piccolo ed estremo tratto della penisola oltre i due seni Lametico e Scilletico, oggi golfo di Santa Eufemia e di Scillace, era la primitiva Italia, i cui termini son chiaramente segnati da Antioco siracusano e da Aristotile4. Qui pure abitarono antichissimamente le tribù degli Enotri, Itali anche essi, il cui nome indi s’estese lungo la costa occidentale sin presso al golfo Pestano, dove si cercavano I’isole delle Sirene, ivi stesso chiamate Enotridi5. Da questi angusti confini il nome d’ Italia s’andò di luogo in luogo ampliando alle regioni superiori, nè altrimenti che per uso di lingua poté chiamarsi italica la scuola quivi fiorente di Pitagora. Gli scrittori greci posteriori ad Alessandro adoperarono il nome stesso d’Italia ora in un sen più largo, ora più ristretto; ma di già Polibio6 ne faceva uso con più naturale e giusto significato, comprendendo sotto quel titolo l’intero corpo del paese dal mare siciliano insino alle Alpi. Che veramente il nome di Italia, da prima uscito delle parti più meridionali, si fosse a mano a mano disteso molto addentro nella penisola, e vi fosse tenuto per simbolo di nazionale unione fra popoli parlanti una stessa lingua, si fa manifesto per la generale confederazione di tante numerose nazioni di pura e fratellevole razza osca nella guerra marsica. Le quali non pure in comune si reputavano come italiche, rispetto alla loro società giuridica con Roma, ma di più, per opposizione a quella, venute all’armi circa l’anno 663 posero il nome proprio d’ Italia alla città capitale della lega. Le monete stesse battute nel corso della guerra sociale mostrano sotto la leggenda Viteliu qual fosse l’usata, e fors’anco la primitiva forma osca della voce Italia7. Voce che i Greci antichi, per mera somiglianza di suono, spiegavano con altro vocabolo di loro favella significante un bove8: se pure con si fatta etimologia essi stessi non alludevano più specialmente alla copia del bestiame di grandi e belle forme, che molto abbondava in coteste parti meridionali, paese al tutto pastorale9. Non diversamente l’Enotria, con altra appropriata etimologia greca, passava, al dir degli espositori, per la terra del vino10. Con tutto che non si faccia gran torto ai grammatici non fidandoci totalmente di loro, pure è assai verisimile, che i primi greci navigatori che passarono ne’ lidi italici adoprassero talvolta nomi significativi o delle qualità del suolo, o d’altre particolarità locali, che l’uso dell’idioma mantenne appresso lungamente. Così ancora in America si ritrovò una terra verde e una terra del fuoco: in Affrica una costa d’oro: denominazioni che sono a un modo segni d’immagini. Ma, dacchè i mitologi per accomodate genealogie rendean ragione d’ogni fatto col grido degli eroi, anche il nome d’Italia fu per loro attribuito a un re o legislatore del suo popolo chiamato Italo; siccome quello d’Enotria all’arcadico Enotro, uno de’ venti figli di Licaone, e il condottiere della più antica colonia che i Greci davano per popolatrice di quella stessa punta del continente italico prossima alla Sicilia, nominata oggidì Calabria ulteriore.”
    • 4 Antioc ap. Strab. VI p. 175 ap. Dionys. I. 35. Aristot. De rep. VII,10.
    • 5 Argumentum possessae ab Oenotris Italiae. Plon. II. 7. 6 II. 16
    • 6 II. 16.
    • 7 [trascrizione] cioè Italiu o Italium secondo le terminazioni più consuete di queste lingue; e col digamma Vitalium, Servio dice bene: Italia plura nomina habuit, dicta est enim… Vitalia. VII. 328. Vedi i monumenti tav. CXV.15.
    • 8 Apollodor. II. 5. 10. Dionys. I. 35. Gell. XI. I.
    • 9 Varro R. R .I. 1. Nicander ap. Anton. Lib. 31. Dionys. I. 12.
    • 10 Pisander ap. Steph. Varro ap. Serv. I. 536. III. 165.

    Bibliografia utilizzata



    Siti Internet consultati

    Bibliografia da trovare e consultare


    • Antioco di Siracusa. Sull’Italia
    • Strabone, Geografia, V, 1,1 e VI,1,4.
    • Malgeri, E. 1899. Sul nome Italia. Nuove osservazioni. Messina.
    • Guillotining, M. History of Earliest Italy, trans. Ryle, M & Soper, K. in Jerome Lectures, Diciassettesima serie, p.50
    • Silvestri, D. 2000. Per una etimologia del nome Italia, AIΩN-linguistica 22
    • Rosa, G. 1863. Le origini della civiltà in Europa, Milano, Editori del Politecnico.
    • Pittau, M. 2003. Il nome dell’Italia è probabilmente etrusco, RION 9: 1
    • Wojtilak, Ł. 2003. On the Etymology of the Name Italia, Incontri Linguistici 26
    • Mallory J. P., Adams, D.Q. 1997. Enciclopedia della cultura indo-europee. Londra: Fitzroy e Dearborn, p. 24
    • Devoto, G. 1931. Gli antichi Italici, Vallecchi, p. 116
    • Romagnosi G.D. 1844. Esame della Storia degli antichi popoli italiani di Giuseppe Micali in relazione ai primordj dell’italico incivilimen, Milano.

    Testo originale. Non copiare! Citare è facile. Grazie!
    L’immagine è personale e, pertanto, soggetta a Copyright.